Piccole Storie per l'Anima
Home Page
Ultime Notizie
Classifiche
Invia la tua Storia
Altri Link
Disegni

Cerca una Storia

Inserire una sola parola...

Le Categorie
Anima 107
Consigli 130
Dio 103
Famiglia 37
Natale 27
Societa 122
Tenerezza 78

Gli Ultimi Commenti
13/11/2014 - Ale
Il Poeta Cieco

Il Meglio di Te
(Madre ...

13/11/2014 - Ale
Il Poeta Cieco

E' proprio così!Nessuno esclus...

13/11/2014 - Ale
Il Topolino

Bisogna incominciare dal cuore...

13/11/2014 - Ale
La Fede

Un ombrello rosso, un piccolo ...

13/11/2014 - Ale
Dove il Cielo e la Terra si Toccano

" Il mondo non è forse pi...


Le Storie Meno Lette
La Macchia Nera 4856
Quanto ci Separa 4857
Il Teologo 4857
Lo Sapevi 4857
La Meridiana 4857
La Ginnastica del Desiderio 4857
L'Anello Benedetto 4857
Sul Patibolo 4857
Fertilità 4857
Silenzi 4857


Cicatrici

Autore: Anonimo - Libro: Internet
Casa Editrice: Grazie a Lisa
15305 visite dal 14/07/2010

Foto:graffi

In un caldo giorno d'estate nel sud della Florida, un bambino decise di andare a nuotare nella laguna dietro casa sua. Uscì dalla porta posteriore correndo e si gettò in acqua nuotando felice. Sua madre lo guardava dalla casa attraverso la finestra e vide con orrore quello che stava succedendo. Corse subito verso suo figlio gridando più forte che poteva. Sentendola il bambino si allarmò e nuotò verso sua madre, ma era ormai troppo tardi. La mamma afferrò il bambino per le braccia, proprio quando il caimano gli afferrava le gambe. La donna tirava determinata, con tutta la forza del suo cuore. Il coccodrillo era più forte, ma la mamma era molto più determinata e il suo amore non l'abbandonava.
Un uomo sentì le grida, si precipitò sul posto con una pistola e uccise il coccodrillo. Il bimbo si salvò e, anche se le sue gambe erano ferite gravemente, poté di nuovo camminare.
Quando uscì dal trauma, un giornalista domandò al bambino se voleva mostrargli le cicatrici sulle sue gambe. Il bimbo sollevò la coperta e gliele fece vedere. Poi, con grande orgoglio si rimboccò le maniche e disse: "Ma quelle che deve vedere sono queste!".
Erano i segni delle unghie di sua madre che l'avevano stretto con forza.
"Le ho perché la mamma non mi ha lasciato e mi ha salvato la vita".

Anche noi abbiamo cicatrici di un passato doloroso. Alcune sono causate dai nostri peccati, ma alcune sono le impronte di Dio quando ci ha sostenuto con forza per non farci cadere fra gli artigli del male.
Ricorda che se qualche volta la tua anima ha sofferto... è perché Dio ti ha afferrato troppo forte affinché non cadessi!

I Commenti su questa Storia
Autore Commento
Inviato da nadia
il 15/07/2010 alle 21:04:51
bellissima storia
Inviato da elisabetta
il 18/07/2010 alle 15:18:16
mi auguro che il Divino mi trattenga con tutte le sue forze,xchè anche io sto attraversando un momento difficile....questa tenera storia riassume in poche righe tutta la sofferenza dell'animo umano,le difficoltà e le scelte ....
Inviato da Beatrice
il 19/07/2010 alle 15:13:25
Quello che segue è' un dialogo, un dialogo "piovuto nella mia fantasia" nel pomeriggio di ieri e che inserirò nel mio prossimo testo teatrale, che non so se e quando scriverò e di cosa parlerà:
"persona 1: Esiste un segreto per vivere bene.
persona 2: Quale?
persona 1: Non lo so
Persona 2 : Non lo sai?!
persona 1: "Non lo so, e non lo voglio sapere. Mi basta avere la certezza che c'è, e inseguirlo, e fiutando le sue tracce tenere la rotta giusta. Se lo conoscessi non sarebbe più un segreto e nemmeno il viaggio avrebbe più senso."
Inviato da Lorenza
il 29/07/2010 alle 10:08:28
Grazie per questa bellissima storia. Oggi ne avevo bisogno. :-)
Inviato da lucia
il 12/09/2010 alle 18:37:37
grazie! le mie cicatrici sono numerose, i peccati tanti,ma so che sarò sempre afferrata con amore
Inviato da Sara
il 17/09/2010 alle 16:42:52
sono sicura di non aver letto niente di più vero
Inviato da Anna
il 20/09/2010 alle 13:02:21
Molto bella!
Inviato da Gennaro AULISIO
il 06/10/2010 alle 12:15:18
In più circostanze , nel corso della mia vita, ho avuto modo di avvertire ed anche vedere dei fenomini sopannaturali, i quali hanno rafforzato la mia fede, potendo stabilire con certezza la presena di Dio
Inviato da silvi
il 22/10/2010 alle 15:24:57
caro gennaro, passiamo la vita a vedere miracoli e fenomeni sopranaturali, il punto e, che ci rendiamo conto solo della presenza di Dio quando vediamo le nostre ciccatrici ! che Dio abbia pazienza e ci perdoni!
Inviato da Richard
il 07/11/2010 alle 17:21:19
Una bellisma storia che mi fa sapere tante cose
Inviato da iris
il 07/11/2010 alle 22:01:55
leggo e piango
Inviato da maria
il 30/11/2010 alle 00:36:23
il finale mi ha fatto venire i brividi dall'emozione...
Inviato da Gennarino da ciceral
il 20/12/2010 alle 13:37:10
L'amore e la determinazione sono più forti di qualsiasi catena.
Inviato da cristina
il 01/01/2011 alle 22:03:35
solo chi ha fede, può consolarsi leggendo questo racconto... io ci credo!!!!!!!!!!!!!
Inviato da Gennaro AULISIO
il 01/02/2011 alle 14:21:48
Le risposte fornite dai lettori sono talmente spontanee e belle da potermi rallegrare che nel mondo, per quel che si dica, vi è tanta brava gente. Vi saluto tutti con il cuore.
Inviato da Gennaro AULISIO
il 01/02/2011 alle 14:22:37
Le risposte fornite dai lettori sono talmente spontanee e belle da potermi rallegrare che nel mondo, per quel che si dica, vi è tanta brava gente. Vi saluto tutti con il cuore.
Inviato da Gennaro AULISIO
il 01/02/2011 alle 16:05:13
la cattiveria non nasce con l'uomo, ma si diffonde per l'indifferenza legata ad società poco attenta ai valori che hanno originato la vita.
Inviato da Aulisio Gennaro
il 01/02/2011 alle 16:32:24
Ancora una volta , Gesù ha voluto rivelarsi, tramite un bambin Gesù , in legno, portato dai pelegrini dalla terra Santa nel decorso mese di Dicembre 2010 presso il Santuario di San Francesco in Cava dei Tirreni (SA) che ha lacrimato sangue.
Inviato da Gennaro
il 02/02/2011 alle 15:48:15
Odio l'indifferenza della società quando volta le spalle al proprio prossimo, nei momenti di maggiore bisogno:-in particolare , con tale condotta , si ripete e si riconferma la precaria politica di Ponzio Pilato
Inviato da silla
il 14/02/2011 alle 17:02:25
la forza dell'amore di una madre va contronatura!!!
Inviato da ettore
il 16/02/2011 alle 20:09:40
parole sante e veritiere e prego DIO che mi stringa sempre più forte
Inviato da Gennaro AULISIO
il 18/02/2011 alle 10:46:00
E' bello leggere frasi, pensieri , commenti formulati da persone meravigliose come voi
Inviato da Gennaro AULISIO
il 19/02/2011 alle 09:50:35
Per Silvi , grazie per avere espresso un pensiero , molto gradito.
Inviato da giovanni
il 08/04/2011 alle 18:08:59
molto bellissima le storie, molto bella.
Inviato da Angela.
il 10/04/2011 alle 16:02:05
Per Lisa: chi ha sritto questa storia deve essere una persona molto speciale,molto bella ,
piena di sentimenti di coraggio di dolore , amore di madre , ma sopratutto 'amore di Dio.
Inviato da Giancarlo Di Lauro
il 01/11/2011 alle 15:33:22
Spesso guardiamo solo quello che ci conviene, questa storia ci fa riflettere... bella!
Inviato da simone
il 11/11/2011 alle 20:34:37
meravigliosa..........
Inviato da Melissa
il 05/02/2012 alle 12:13:11
Veramente toccante,è proprio vero ciò che dici!
Dobbiamo tutti imparare da queste storie
Inviato da Lisa
il 06/02/2012 alle 11:12:51
Per angela: non ho scritto io questa storia, magari avessi questo dono, l'ho solo inviata perchè tutti poteste trarre beneficio nel leggerla!!
Inviato da Susy
il 10/02/2012 alle 00:18:44
quando la mamma sgrida il suo bambino e per educarlo e farlo crescere forte e sano ,questo naturalmente il bambino non lo comprende, ma lo comprenderà quando entrerà nella vita......DIO è "madre"........Egli ci conduce anche per vie chenon comprendiamo pur di salvarci.....le cicatrici che restano ci faranno capire poi il pericolo scampato. Alleluia
Inviato da gennaro aulisio
il 11/04/2012 alle 12:57:31
Le persone che letto e commentato questa storia esprimendo , tra l'altro , dei giudizi ricchi di tanti buoni propositi, sono meravigliosi sotto ogni aspetto e li saluto con affetto.
Inviato da Gerg
il 31/01/2013 alle 11:51:55
Riflessione per tutti.
Inviato da Apo.cal
il 09/04/2013 alle 11:54:50
Perdere quello che fa parte di se...crea disperazione e forza sovrumana
Inviato da giuseppe b
il 04/06/2013 alle 21:43:47
Meravigliosa storia.anche io ho sofferto per tutte quelle occasiono mancate dove avrei potuto dimostrare il mio amore per la mamma. Questa sofferenza è l`amore che la mia mamma mi ha donato.
Inviato da marilena
il 27/06/2013 alle 15:40:24
oggi le mie cicatrici fanno più male del solito..grazie per questo racconto che mi ha aiutato a accettarle con più serenità
Inviato da giuseppeb
il 17/08/2013 alle 16:55:15
Ogni tanto mi piace venire a rileggere questa meravigliosa storia.
Inviato da giuseppeb
il 24/10/2013 alle 23:38:08
In questo mio angolo non mi sento solo perche' ci siete voi. La rileggo e mi stupisce sempre questa storia.
Inviato da emanuele
il 18/11/2013 alle 14:17:43
Grazie oggi mi serviva tanto. Questa storia non ti fa sentire solo e dona il vero senso della vita .
Inviato da Donki
il 15/12/2013 alle 07:57:13
Esco da un tempo difficile. Oggi è il primo giorno, dopo due mesi, che ritorno alla vita pubblica dopo una grande calunnia. Tutti vorranno vedere le ferite del male, mostrerò i segni del bene! Grazie.

Inserisci un Commento

Inserisci il tuo nome...

Inserisci il Commento...

Powered by sweet Captcha


Categoria:

Errore Query was empty